Dim sum, hot pot, bao. Breve vademecum sulla cucina cinese in cinque piatti tipici che ogni appassionato di cibo dovrebbe conoscere.

La cucina cinese è sempre più di tendenza sotto il cielo milanese, anche grazie a un ritorno all’autenticità promosso dalle insegne di nuova generazione che puntano sulla riscoperta dei sapori e delle ricette più tipici del loro territorio. Ci sono termini che sono entrati ormai a pieno regime nel vocabolario gastronomico di (quasi) ogni appassionato di cibo che si rispetti, ma siccome le differenze tra una specialità e l’altra a volte sono sottili e un leggero velo di confusione aleggia ancora nella mente al pronunciare della parola “bao”, abbiamo deciso di fare un po’ di chiarezza intorno ai basici della tradizione cinese per sfoggiare una perfetta erudizione durante la tua prossima esperienza culinaria made in china e farti scoprire le specialità più amate di questa antica tradizione.

 

cucina cinese dim sum

Dim Sum, il brunch milanese a Hong Kong

Termine erroneamente associato al raviolo al vapore – complici anche i menù di numerosi ristoranti che hanno moltiplicato l’inganno – in realtà il dim sum rappresenta un’esperienza gastronomica molto sociale in Cina, un vero rito a base di squisiti bocconcini preparati “per toccare il cuore” (traduzione letterale dal cinese). Un susseguirsi di assaggini cotti al vapore, saltati o fritti – dessert inclusi – presentati in graziosi cestini di bambù e pensati per essere abbinati al thé per una tipica colazione in stile Hong Kong. Per i milanesi dicesi brunch.

 

cucina cinese

Wonton, il raviolo “flitto” cinese

Raviolo tipico cinese di fine sfoglia di pasta a base di acqua, farina, uova e sale, ripieno di carne trita di maiale o gamberetti. Il wonton può avere la forma del fagottino se viene cotto al vapore e servito in brodo, oppure a mezza luna nella sua variante fritta che è anche la più tipica nella cucina cinese e viene proposta di solito come antipasto.

cucina cinese Jiaozi

Jiaozi, il piatto che celebra i nuovi inizi

Occidentalmente definiti come ravioli al vapore, i Jiaozi sono un classico della tradizione culinaria cinese e differiscono dai Wonton per la loro pasta più spessa e ondulata. Solitamente vengono serviti in abbinamento a salsa di soia e il ripieno può essere a base di verdura, pesce o carne. I Jiaozi rappresentano un piatto “must-eat” durante i festeggiamenti del Capodanno Cinese, come rituale di buon auspicio per l’anno nuovo.  

cucina cinese bao

Baozi: morbido fuori, sorprendente dentro.

Detto anche semplicemente bao o bun, trattasi di panino al vapore ripieno, dalla forma sferica e dalla consistenza morbida, quasi gommosa. Dalla Cina questa ricetta ha saputo imporsi sul versante occidentale diventando uno dei nuovi streetfood di tendenza: un piccolo scrigno dal sapore esplosivo a base delle farciture più varie. La versione salata prevede un ripieno a base di carne o verdure con un interessante mix di spezie, mentre per i più golosi quella dolce è proposta con diverse creme, anche se la più tipica rimane quella a base di fagioli rossi.

cucina cinese bao

Hot Pot, anche detta “fonduta cinese”

L’hot pot è una specialità tipica e molto conviviale che non conosce stagioni. Praticamente si tratta di una grande pentola di brodo fumante posta al centro della tavola, mantenuta calda da un fornelletto, dove vengono cucinate sul momento diverse tipologie di pietanze direttamente dai commensali, con lo stesso modus operandi della francese bourguignonne. Si può cuocere tofu, carne, pesce, molluschi, funghi, radici, verdure varie, senza limiti alla fantasia.

Pin It on Pinterest

Share This